Come abbinare i nuovi colori moda della stagione Autunno-Inverno 2018-19?

Forse sei già in spiaggia a goderti le meritate vacanze, oppure, come me, sei già in città a fare mille progetti pensando ai prossimi mesi. Tra questi, ce n’è uno che mi entusiasma particolarmente: scoprire quello che la moda ha in serbo per la prossima stagione!

Magari sei tra quelle amiche e lettrici che hanno cominciato a chiedermi quali saranno i colori moda della prossima stagione A/I. Cosa ne dici di dare un’occhiata a quello che ci riserva la moda a partire da settembre? Ti faccio una promessa: resterai piacevolmente sorpresa! Dimentica i colori tristi e spenti: la stagione autunno inverno 2018-1019 si presenta come una delle più eccitanti degli ultimi anni!

Se hai visto le proposte moda dell’ultima Milano Fashion Week, coma la sfilata di Prada Fall/Winter 18-19, sai di cosa parlo: abiti fluttuanti dalle forme fluide, colori squillanti e tinte pop a tutto gas.

E allora parliamo proprio dei colori che indosseremo quest’inverno, perché il Pantone Color Institute ha già rilasciato il suo report stagionale e quale momento migliore che questo, nel pieno dell’estate, per cominciare a pensare a look e acquisti per la prossima stagione?

Come già abbiamo visto, i colori comunicano molto più che una semplice scelta estetica, sono un mezzo di comunicazione e riflettono stati d’animo e aspettative. I colori moda che gli esperti hanno indicato per la prossima stagione ci forniscono tanti dettagli anche su quello che è il clima generale della società e sulle aspirazioni dei singoli, cioè ognuno di noi.

Cominciamo?

L’autunno e l’inverno 2018 sono una promessa di colori pop e audaci

Prepara carta e penna perché quest’anno stravolgerai il tuo guardaroba invernale abituale. Di’ addio alle tinte malinconiche che spesso caratterizzano i look autunnali: quest’anno il colore esploderà in modo deciso e audace.

Giallo fluo, fucsia strong, verde acido, arancione evidenziatore, viola ultraviolet, lilla pastello: questi sono i colori che andranno di moda nella prossima stagione autunno inverno 2018-2019.

Sono nuance che vogliono trasmettere energia allo stato puro, vitalità, ottimismo. Secondo gli esperti questa scelta indica il bisogno di contrastare tempi cupi, difficili. Se la vita di ogni giorno si fa sempre più pesante, i colori che indosseremo ci aiuteranno a riequilibrare gli animi e affrontare tutto con più leggerezza e ottimismo.

L’estate continuerà quindi tutto l’anno grazie a queste tinte vivaci e vitaminiche. Le trovi forse un po’ impegnative? Combinale con pezzi classici e colori must have, come il bianco e il nero, e otterrai un look sempre perfetto, qualsiasi situazione tu debba affrontare.

Ho preparato per te una utilissima infografica con tanti look speciali da copiare, in cui i colori moda del prossimo autunno-inverno la fanno da padrona, ma adattandosi a stili ed esigenze diverse.

colori_autunno-inverno 2018-2019

Guarda quante opzioni hai a tua disposizione! Ti basterà mixare i colori giusti (ricorda che per scegliere quelli che ti valorizzano devi tenere in considerazione le tue caratteristiche fisiche, come il colore del tuo sottotono) a seconda dell’occasione e del messaggio che vuoi trasmettere.

I 10+5 colori della prossima stagione A/I 2018-19 secondo il Pantone Color Institute

L’Istituto Pantone prepara ogni stagione il report delle tendenze dei colori moda, in base alle preferenze espresse degli stilisti della London e NY Fashion Week. Dopo le sfilate dello scorso febbraio, l’istituto ha diffuso il Pantone Fashion Color Trend Report per l’autunno e l’inverno che sono in arrivo.

La buona notizia è che vi troviamo tonalità insolite per la stagione: la tendenza va verso il rifiuto della struttura stagionale classica a favore di colori più vivaci che lasciano ampio spazio all’espressione della personalità di ognuno.

Le tinte moda per l’autunno inverno 2018-2019 reinventano la storia dei colori autunnali con risultati davvero entusiasmanti! La personalità dei mesi più freddi dell’anno non viene comunque stravolta, ma resa moderna, grazie a un gioco di equilibri tra tonalità corpose e profonde e tinte pop.

Vediamo quindi i colori moda indicati dal Pantone Institute come riferimento per i prossimi mesi: si tratta di 10 sfumature che renderanno unica la stagione autunno-inverno 2018-2019, a cui mixare una palette di 5 colori tipicamente autunnali.

colori-moda-pantone-autunno-inverno-18-19

  1. Pantone 12-0740 Limelight: tonalità giallo-verde, pungente e vivace.
  2. Pantone 15-0850 Ceylon Yellow: un giallo che profuma di curry, esotico e piccante.
  3. Pantone 16-1255 Russet Orange: un arancio caldo che richiama l’estate.
  4. Pantone 18-1549 Valiant Poppy: rosso intenso, vibrante e pieno di passione.
  5. Pantone 19-1536 Red Pear: tonalità di rosso profonda e sensuale.
  6. Pantone 18-0625 Martini Olive: verde sofisticato, intenso e profondo.
  7. Pantone 18-5025 Quetzal Green: blu-verde vigoroso, estremamente sofisticato.
  8. Pantone 18-4048 Nebulas Blue: blu profondo che ricorda il crepuscolo.
  9. Pantone 18- 3838 Ultra Violet: un viola originale e portatore di creatività. Te ne ho parlato approfonditamente qui.
  10. Pantone 15-3520 Crocus Petal: lilla pastello leggero ed elegante che apporta un tocco primaverile.

E ora vediamo i 5 colori moda classici indicati dall’Istituto Pantone per dare solidità e struttura a ogni tuo look il prossimo autunno-inverno:

colori-classici-pantone-autunno-inverno-18-19

  1. Pantone 11-4801 Tofu: bianco crema essenziale.
  2. Pantone 14-4107 Quiet Gray: grigio chiaro discreto.
  3. Pantone 14-1116 Almond Buff: una tonalità cammello delicata e sobria.
  4. Pantone 16-14-38 Meerkat: marrone tostato, caldo e avvolgente.
  5. Pantone 19-4031 Sargasso Sea: un blu intenso e profondo.

A questo punto sono certa che non vedi l’ora di iniziare a pianificare i tuoi prossimi outfit post-estate, giocando a mixare i colori classici e più autunnali con tonalità audaci, attraverso le quali esprimere tutta la tua creatività.

Ma aspetta, le sorprese non sono finte: l’Istituto Pantone quest’anno ci regala un bonus di 2 colori moda extra, che omaggiano la natura sperimentale delle passerelle londinese. Eccoli:

  • Pantone 15-1515 Mellow Rose: rosa tenue, un classico della tradizione inglese. mellow-rose-pantone
  • Pantone 18-2045 Pink Peacock: rosa deciso e irriverente.

pink-peacock-pantone

Ora che hai visto la descrizione di tutti i colori del Pantone Fashion Color Trend Report per l’autunno/inverno 2018-2019 torna all’infografica che ti ho mostrato all’inizio e comincia a pensare a come indosserai le nuance della prossima stagione.

Esprimi te stessa attraverso i colori moda A/I 2018-2019

Hai sempre pensato che l’autunno fosse noioso e ogni anno ti sei sentita intrappolata in colori senza personalità? Quest’anno la storia cambia, le indicazioni degli stilisti sono chiare: i colori moda della prossima stagione devono rispondere a un bisogno di ottimismo e vitalità per contrastare i tempi difficili.

Per esprimere te stessa hai davvero l’imbarazzo della scelta. Ti faccio un esempio: per un look da giorno professionale puoi sfoggiare un classico tubino in Valiant Poppy, la cui audacia equilibrerai con un capo in spalla in tinta Quiet Gracy.  

Ricorda sempre che i colori che scegli di indossare parlano per te, raccontano come ti senti e come vuoi che sia la tua giornata.

Le nuance che utilizzi nel tuo look raccontano le emozioni che porti dentro di te. Studi scientifici accreditati hanno dimostrato che il colore è un mezzo di comunicazione, non diretto come la parola, ma non per questo meno potente anzi, tutto il contrario, perché agendo a livello inconscio il messaggio trasmesso si insinua nella mente del tuo interlocutore, determinando una buona o una cattiva impressione.

La psicologia del colore spiega che ogni sfumatura produce un determinato stimolo nella mente umana, determinando un preciso stato d’animo. Quest’effetto lo subisci tu, che indossando, ad esempio, un colore vivace ti senti più audace, e chi ti guarda, che ti percepisce come una persona decisa o, in caso di un colore debole, poco sicura di sé.

Ricordi qual è il significato di ogni colore?

Sapere quale messaggio comunichi con le tonalità che scegli per il tuo look può esserti molto utile per esprimere molto meglio la tua personalità e quello che vuoi comunicare.

Trovi il significato di ogni tinta nel post sulla psicologia del colore.

E ora dimmi: qual è il colore che ti è piaciuto di più tra quelli del Pantone Fashion Color Trend Report?

Aspetto i tuoi commenti!

L’abito fa il monaco: come vestirsi per un colloquio di lavoro o un meeting aziendale

Ci sono situazioni in cui abbiamo una sola buona occasione per convincere qualcuno che non ci conosce a credere in noi, a fidarsi, a lasciarci dimostrare il nostro valore.

Quante volte, durante un colloquio di lavoro o un incontro con un potenziale cliente, hai avuto la sensazione di non avere abbastanza tempo per spiegarti, per far capire tutto quello che saresti stata in grado di fare?

Il tempo è sempre tiranno in queste situazioni. Ecco perché, oltre a imparare bene l’arte di raccontarti in poche semplici (ma efficaci) parole, devi padroneggiare tutti gli altri dettagli che parlano di te al tuo interlocutore, oltre il livello semantico delle parole, e che potrebbero metterti nei guai.

Come? Immagina di essere a un importante incontro di lavoro, tu vuoi sembrare sicura di te, affidabile, professionale. Il tuo discorso è un buon discorso, l’hai imparato a memoria e non c’è alcun motivo per cui il tuo interlocutore non dovrebbe apprezzarlo. Nonostante questo, però, non accetta di lavorare con te.

Perché? Perché non ha ricevuto una sensazione positiva dal vostro primo incontro: il tuo abbigliamento, probabilmente, non ha trasmesso il giusto messaggio, non si è allineato alle tue parole e questo ha fatto la differenza.

Come vestirsi per un colloquio di lavoro

Quando incontri una persona per la prima volta, i primi secondi di conoscenza sono fondamentali. Il tuo interlocutore cercherà nel tuo aspetto e nel linguaggio non verbale del tuo corpo gli elementi che gli confermino che può fidarsi di te.

Se ti proponi a un’azienda del settore finanziario devi essere consapevole che la formalità, anche nell’abbigliamento, è un aspetto imprescindibile. Se ti presenti a un colloquio vestita casual o con abiti di colori troppo appariscenti al 99% ti giocherai ogni chance di ottenere il lavoro.

L’abito fa il monaco? Nel mondo degli affari sì, è una realtà. Il tempo per decidere se iniziare una collaborazione con un candidato è pochissimo e bisogna trovare la persona giusta affidandosi, oltre alle belle parole, anche alle sensazioni a pelle.

E allora quali sono i “trucchi” per fare una buona prima impressione ad un colloquio di lavoro, con un cliente o con i tuoi stessi colleghi? Voglio darti alcuni consigli riguardo all’abbigliamento per innescare solo sensazioni positivi nel tuo “futuro capo” (speriamo!) o potenziale cliente.

Colloquio di lavoro: perché come sei vestito influenza la risposta del tuo interlocutore

Che vestirsi bene influisca sul risultato di una intervista professionale non lo dico solo io che sono una consulente d’immagine e che, magari, sono portata per deformazione professionale a essere iper-critica riguardo al look delle persone.

L’azienda di recruiting TheLadders.co.uk ha pubblicato uno studio sull’argomento che, insieme ad altre indagini come quella di Espresso Communication per Bigi Cravatte Milano, ci mostra dei dati davvero incredibili: il 37% dei responsabili delle risorse umane intervistati ammette di assumere candidati basandosi sul loro abbigliamento.

Per il 75% è fondamentale la coerenza con la situazione, per il 36% l’abbinamento di colori e stili è utile per ricavare informazioni sulla personalità del candidato, infine il 33% dei recruiter intervistati valuta l’attinenza dello stile del candidato all’ambiente professionale e alle politiche aziendali.

Questo studio indica anche quali sono gli errori più gravi a un colloquio di lavoro riguardanti l’abbigliamento del candidato:

  • scelta di colori sgargianti. In particolare, secondo il 95% dei recruiter l’arancione è il colore da evitare sempre, seguito dal rosso (84%) e dal rosa (83%).
  • per le donne abiti con scollature vertiginose, spacchi profondi, gonne corte e gambe nude
  • scarpe sportive, considerate negativamente dal 91% dei selezionatori intervistati

Quali scelte di look risultano invece vincenti durante un colloquio di lavoro?

Secondo questo studio le donne che si presentano con tacchi alti e un completo giacca pantalone o gonna di media lunghezza guadagnano più punti. Per gli uomini è sempre consigliata la camicia a maniche lunghe. Colori: meglio tinte uniche e toni soft basici. Per essere formali ma con un tocco di personalità i candidati possono ricorrere senza preoccupazione ai colori pastello.

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro e farsi assumere

Abbiamo visto come i selezionatori delle aziende giudicano i candidati nei primi secondi di conoscenza: per loro il look è una fonte di informazioni sulla personalità del soggetto.

“È una persona seria? Può rappresentare l’azienda a eventi e meeting internazionali? Ha la personalità giusta per guidare una squadra? È il profilo giusto per il ruolo che offriamo?”

Per rispondere a queste e a tante altre domande i recruiter devono studiare attentamente chi hanno davanti. Un buon curriculum non basta, ci sono molte altre informazioni che vanno analizzate.

In generale, il mio suggerimento è quello di curare con grande attenzione il tuo abbigliamento nel giorno fissato per il colloquio di lavoro. Ma il vero consiglio d’oro, da incorniciare e appendere in casa è: studia bene l’azienda per la quale farai il colloquio e allineati alla sua personalità. Settore finanziario o immobiliare? La formalità è un valore fondamentale, evita look eccentrici. Start up giovane? Puoi vestirti più casual e rilassarti (senza esagerare!).

Se centri questo primo punto hai giá fatto il 70% del lavoro.

Poi devi capire quali sono le necessità della posizione per la quale ti stai candidando: Dovrai dirigere un team di persone? Avrai a che fare con i clienti? Oppure il tuo sarà un ruolo più creativo? Da qui ricaverai le altre informazioni che ti servono per non sbagliare look il giorno del colloquio di lavoro.

I dettagli fanno sempre la differenza a un colloquio di lavoro

Ecco a cosa fare attenzione quando ti presenti per un colloquio di lavoro:

  • i tuoi vestiti devono essere puliti e stirati
  • evita gioielli o accessori appariscenti
  • no a look provocanti e vestiti troppo stretti
  • evita colori sgargianti che possono distrarre o disturbare il tuo interlocutore
  • non esagerare con il profumo
  • le scarpe devono essere pulite e non usurate, meglio evitare tacchi oltre gli 8 centimetri e i sandali aperti
  • assicurati che i tuoi capelli siano puliti e in ordine
  • le mani attirano sempre l’attenzione della persona con cui stiamo parlando: fai in modo che appaiano curate e pulite
  • sì agli accessori giusti (cintura, gioielli discreti, borsa da lavoro)

Scegli l’abbigliamento con cui ti presenterai al tuo colloquio di lavoro avendo ben in testa di dover trasmettere serietà, professionalità e interesse per l’azienda. Il ruolo per cui ti candidi potrebbe anche richiedere di mettere in mostra il tuo stile, la tua personalità, la tua sensibilità e gusto estetico. Ecco perché prima ti ho consigliato di studiare bene l’azienda e il posto di lavoro offerto.

Come vestirsi per un meeting aziendale o un incontro con un cliente?

Oltre ai colloqui di lavoro, ci sono altre situazioni in ambito professionale in cui l’abbigliamento svolge un ruolo importante per fare una buona prima impressione e convincere chi ci sta davanti ad avere un atteggiamento positivo nei nostri confronti.

Ad esempio durante un meeting aziendale, in cui si devono presentare i risultati del proprio lavoro ai diretti superiori o ai colleghi. In questo caso sarà fondamentale trasmettere sicurezza e professionalità e l’abbigliamento giusto predisporrà in modo positivo la platea.

Qual è lo stile giusto?

L’obiettivo è trovare il giusto equilibrio tra formalità e stile personale. Molte delle mie clienti mi chiedono: “E la femminilità? Vestirsi in modo femminile potrebbe essere visto come poco professionale?”. Personalmente credo che non ci sia niente di più sbagliato che nascondere la propria natura. Siamo donne e possiamo indossare una gonna e dei tacchi alti se ci fanno sentire a nostro agio anche in un incontro di lavoro.

Ma ricorda: il messaggio che vuoi trasmettere con il tuo abbigliamento deve essere la bussola che guida le tue scelte.

Vuoi mostrarti sicura di te e professionale? Nel tuo look si devono equilibrare eleganza, formalità e femminilità. Visualizza una bilancia a due piatti: da una parte immagina di soppesare la componente formale del tuo abbigliamento, mentre sull’altro piatto metti tutto ciò che rende femminile e personale il tuo stile. La bilancia è in equilibrio? O pesa di più un piatto rispetto all’altro? Se è la parte della formalità a pesare di più, forse hai avuto paura di osare. Non è sbagliato, soprattutto se sei agli inizi e vuoi sentirti sicura e a tuo agio. Con il tempo potrai aggiungere qualche tocco più personale e femminile al tuo abbigliamento, in modo da mostrarti sì professionale, ma anche con uno stile unico.

Se invece sulla tua bilancia pesa di più la parte informale, potresti avere un serio problema e non riuscire a essere considerata professionale nel tuo contesto lavorativo.

Così come abbiamo visto nel caso dei colloqui di lavoro, anche per i meeting o gli incontri con i clienti è essenziale studiare bene il settore e l’azienda: lavorare in una banca o in una start up non è la stessa cosa, il grado di formalità richiesto è completamente diverso, e così il tuo margine di manovra per quanto riguardo il tocco personale che puoi aggiungere al tuo look.

Dosare bene tutti gli elementi del tuo abbigliamento e avere sempre chiaro in mente qual è il contesto e il messaggio che il tuo abbigliamento deve trasmettere è la regola di riferimento.

Consigli pratici sull’abbigliamento per un meeting aziendale

  • Preferisci tonalità basic ed eleganti, come bianco, beige, crema, blu scuro, grigio, viola scuro, verde bosco e nero.
  • La lunghezza della gonna è al ginocchio, uno spacco sobrio è consentito.
  • Le scarpe possono essere l’elemento che dà femminilità al tuo look, sceglile comunque comode e che ti facciano sentire a tuo agio.
  • Gli accessori non devono essere troppo appariscenti, grandi o colorati, meglio gioielli semplici e minimal (ad esempio un punto luce al collo).
  • La borsa per le carte di lavoro deve essere di buona qualità, nuova e grande.

I 10 Comandamenti per un look professionale impeccabile (Come vestirsi bene in un contesto lavorativo)

Come essere professionali ad un colloquio di lavoro o a un meeting

  1. Scegli sempre abiti di qualità.
  2. Opta per colori che ti stanno bene.
  3. Scegli per il tuo look professionale i colori che mandano il giusto messaggio.
  4. Sii coerente con il contesto in cui ti trovi.
  5. Pensa a come sarà vestito il tuo interlocutore.
  6. Scegli vestiti che ti valorizzino.
  7. Vestiti in base alla tua età.
  8. Per andare sul sicuro preferisci tonalità classiche come il bianco, il nero, il cipria, per la base del tuo look. Per non sembrare scialba puoi usare qualche tocco di colore e qualche accessorio, facendo attenzione a non esagerare.
  9. Sfrutta i capi base del guardaroba femminile che ti danno un tocco chic: una bella camicia bianca, un dolcevita, un tubino nero, un cappotto sartoriale, un paio di décolleté eleganti.
  10. Sentiti sempre a tuo agio con il look che hai scelto.

E tu come affronti un colloquio di lavoro o un meeting con i tuoi superiori?

Se hai ancora qualche dubbio e vuoi andare a colpo sicuro scrivimi e ti aiuterò a creare il look perfetto per i tuoi appuntamenti di lavoro!

Consigli di look: come individuare il tuo sottotono

Oggi voglio parlarti di un argomento molto interessante eppure poco conosciuto: il sottotono. Quando scegli le nuance con cui truccarti o le tonalità da indossare per far risaltare i tuoi colori naturali, non devi considerare solo il colore della tua pelle o il tuo fototipo.

La tua pelle, infatti, ha una temperatura, che può essere calda o fredda, e ciò non ha nulla a che vedere con altre caratteristiche di cui ti ho precedentemente parlato.

In questo caso parliamo del sottotono della pelle. Questo elemento, apparentemente impercettibile, può determinare il successo del tuo look, perché ti permette di valorizzare i tuoi colori naturali, sfruttando alcuni principi che riguardano l’armonia dei colori.

Armonia… ecco la parola magica!

Sicuramente hai dei colori che preferisci rispetto ad altri, che guidano le tue scelte di tutti i giorni riguardo a ciò che indossi e a come ti trucchi. Ma quando definisci il tuo stile non devi considerare solo le tue preferenze: prima di tutto, infatti, devi capire quali sono le tonalità che ti stanno meglio e che esaltano i tuoi colori naturali, perché solo così otterrai il risultato migliore.

È importante che le tue scelte di look siano armoniche, ma per farlo devi innanzitutto avere dei valori di partenza su cui basarti. L’armocromia è la scienza che studia l’armonia dei colori a partire da elementi oggettivi.

Per capire meglio come funziona ti propongo di pensare ad un’azione che sicuramente ti sarà familiare: pensa ad una foto che, prima di pubblicare sui social, ad esempio Instagram, passi per i vari filtri. Quali sono gli elementi che normalmente modifichi per migliorare l’aspetto della tua immagine? I primi sono la temperatura, la saturazione e il contrasto. Come mai? Perché cerchi di stabilire una nuova armonia che valorizzi la luce con cui è stata scattata la foto, i colori dello sfondo o quelli che indossi.

Prima di approfondire che cos’è il sottotono e come individuarlo, è necessario fare una precisazione: il tono ti dà un’indicazione sul colore della tua pelle in base al binomio chiaro/scuro, mentre il sottotono ti parla di temperature, quindi caldo e freddo.Ma sottotono e tono sono due concetti diversi e indipendenti, ecco perché non è sufficiente essere mora per avere un sottotono caldo o essere bionda per poter dire che il proprio sottotono è freddo.

L’armocromia è una scienza, l’abbiamo detto, e in questo articolo voglio darti un metodo facile da usare per capire il sottotono della tua pelle, così da scegliere sempre e solo i colori che più ti valorizzano!

Come capire il proprio sottotono

I consulenti d’immagine conoscono in modo approfondito il significato dei colori e tutte le regole per utilizzarli in modo armonico. Se anche tu vuoi migliorare la tua immagine, devi sapere come individuare il tuo sottotono.

Abbiamo già detto che il sottotono non dipende dal tono della pelle e dagli altri colori naturali (ovvero una persona dai toni caldi potrebbe avere un sottotono freddo e una persona con pelle e occhi chiari un sottotono caldo), ecco perché devi sapere quali sono gli elementi che ti permettono di scoprire il sottotono della tua pelle.

Ecco quali elementi devi analizzare:

  • il colore delle tue labbra: le persone dai toni caldi hanno normalmente le labbra color pesca, mentre quelle dai colori freddi presentano una colorazione tendente al viola;
  • il colore delle tue orecchie: lo strato epidermico che ricopre le tue orecchie tenderà al giallo se i tuoi colori sono caldi, mentre sarà più rosato se sei una persona con colori freddi;
  • la sclera dei tuoi occhi (la parte bianca intorno alla pupilla): c’è una netta differenza di colore tra chi ha colori caldi e chi invece ha pelle, occhi e capelli tendenti a tonalità fredde. Nel primo caso la sclera degli occhi è color avorio, mentre nel secondo è di un bianco puro;
  • il colore delle tue vene: se tendono al verde hai un sottotono caldo, se invece virano verso il blu un sottotono freddo.

L’abbronzatura ti mostra come funziona il sottotono: è dimostrato che il colore del sottotono della pelle di una persona è legato alle quantità di melatonina e di emoglobina presenti nell’organismo, per questo chi ha un sottotono caldo ha fin da subito un’abbronzatura dorata, che si mantiene nei mesi successivi all’esposizione al sole (seppur diminuendo di intensità), mentre chi ha un sottotono freddo tende ad arrossarsi a contatto con i raggi solari e nel giro di poche settimane torna al proprio colorito pallido.

Come valorizzare il tuo viso grazie al sottotono

Il colore del sottotono della tua pelle può esserti di grande aiuto per scegliere i colori giusti per truccarti.

Fondotinta, correttore, blush e terre: quali sono i colori che ti stanno meglio?

Il sottotono ti aiuta a creare un effetto armonico che valorizza i tuoi colori naturali.

Ricorda questa regola: colori caldi per un sottotono caldo, colori freddi per un sottotono freddo.

Hai la pelle olivastra? Evita le ciprie più chiare.

Incarnato di porcellana? Le terre non ti aiuteranno a mettere in risalto le tue doti naturali.

In base al sottotono potrai poi scegliere anche gli altri colori da utilizzare, ad esempio per il makeup degli occhi. Se hai gli occhi castani e un sottotono caldo, scegli le tonalità più calde dei colori della terra, come l’ocra e il terra di Siena, mentre se il tuo sottotono è freddo, il modo migliore per far risaltare i tuoi occhi è scegliendo colori scuri come il grigio piombo e il nero. 

Unendo il principio caldo-caldo e freddo-freddo dei sottotoni alle regole dei colori complementari, sarai in grado di scegliere i colori migliori anche per truccare occhi azzurri o verdi. Ecco come usare i colori complementari: le tonalità aranciate valorizzano gli occhi azzurri, quelle violacee gli occhi verdi. Ad esempio, se i tuoi occhi sono azzurri e il tuo sottotono è freddo preferisci un marrone rosato, mentre se il tuo sottotono è caldo, è più indicato il bronzo. Occhi verdi? Scegli il colore giusto in base al tuo sottotono: se è caldo il color melanzana ti aiuterà a far risaltare il verde naturale, se invece il sottotono della tua pelle è freddo, preferisci tonalità più scure.

I segreti di bellezza delle celebrities con un sottotono caldo

Nicole Kidman, Cameron Diaz, Jennifer Aniston e Penelope Cruz sono alcuni esempi di star con un sottotono caldo. In base al principio caldo-caldo che abbiamo già visto, i colori che più valorizzano queste bellezze di fuoco sono i colori caldi, in particolare in prossimità del viso, quindi su capelli, occhi, e make up in generale.

celebrità con sottotono caldo

I colori ideali per un sottotono caldo sono tutti quelli della terra e della natura: il cipria, il crema, il tortora, il beige, il cammello, il rosso corallo, il verde foresta, il verde smeraldo, il turchese, il giallo canarino, l’arancio, il viola orchidea, viola melanzana, il marsala, il ruggine, il caffè.

Le tonalità da cui tenersi alla larga sono invece: il nero, il grigio grafite, l’azzurro cielo, il blu elettrico, i colori fluo, il rosa baby e il fucsia.

I segreti di bellezza delle celebrities con un sottotono freddo

Gwyneth Paltrow, Bianca Balti, Cindy Crawford, Liz Taylor sono tutti esempi di bellezze dal sottotono freddo. Come vedi, non è automatica l’associazione colori freddi-sottotono freddo, perché rientrano in questa categoria non solo le bionde chiarissime ma anche le more dalla pelle olivastra ma lunare.

celebrità con sottotono freddo

Sempre per il principio base dell’armocromia, il sottotono freddo viene valorizzato dalla combinazione con colori freddi

I colori ideali per un sottotono freddo sono: il bianco ottico, il sabbia, il nero, il blu navy, il grigio antracite, il grigio grafite chiaro, il rosa, il rosso lampone, il bordeaux, il fucsia, l’indaco, l’azzurro pastello, l’azzurro intenso, il blu elettrico, il giallo limone, il testa di moro, il verde pino.

I colori da evitare per un sottotono freddo sono: il marrone, il ruggine, il cammello, il verde oliva, l’ocra.

Applica questi principi di armocromia al makeup, al colore dei tuoi capelli e ai gioielli che indossi.

Come utilizzare i colori del tuo sottotono

Per utilizzare al meglio i colori che rientrano nel tuo sottotono ti sarà utile fare un’ultima valutazione, di carattere più generale, che prenderà in considerazione tutto l’insieme dei tuoi toni naturali.

Se hai un complesso cromatico chiaro (pelle, occhi e capelli chiari) preferisci colori tenui e neutri e utilizza quelli brillanti per gli accessori.

Se invece il tuo complesso cromatico è scuro (hai la pelle olivastra, occhi e capelli scuri) i colori che più ti valorizzano sono i toni scuri e intensi.

Se infine i tuoi colori naturali non rientrano appieno in una di queste 2 categorie (ad esempio hai la pelle medio-chiara, i capelli castani e gli occhi medio-scuri) allora dovrai scegliere per la zona del viso colori mediamente intensi: sono quelli che faranno risaltare meglio i tuoi colori.

Ricorda…

L’armonia cromatica si crea andando incontro alle proprie caratteristiche naturali. Una volta individuate, analizzando in modo approfondito gli elementi di cui abbiamo parlato in questo articolo, ti basterà rispettare i principi basilari dell’armonia per ottenere un risultato eccezionale.

Ti va di provare a mettere in pratica i miei consigli e raccontarmi come va?

Aspetto i tuoi commenti!