Come abbinare i nuovi colori moda della stagione Autunno-Inverno 2018-19?

Forse sei già in spiaggia a goderti le meritate vacanze, oppure, come me, sei già in città a fare mille progetti pensando ai prossimi mesi. Tra questi, ce n’è uno che mi entusiasma particolarmente: scoprire quello che la moda ha in serbo per la prossima stagione!

Magari sei tra quelle amiche e lettrici che hanno cominciato a chiedermi quali saranno i colori moda della prossima stagione A/I. Cosa ne dici di dare un’occhiata a quello che ci riserva la moda a partire da settembre? Ti faccio una promessa: resterai piacevolmente sorpresa! Dimentica i colori tristi e spenti: la stagione autunno inverno 2018-1019 si presenta come una delle più eccitanti degli ultimi anni!

Se hai visto le proposte moda dell’ultima Milano Fashion Week, coma la sfilata di Prada Fall/Winter 18-19, sai di cosa parlo: abiti fluttuanti dalle forme fluide, colori squillanti e tinte pop a tutto gas.

E allora parliamo proprio dei colori che indosseremo quest’inverno, perché il Pantone Color Institute ha già rilasciato il suo report stagionale e quale momento migliore che questo, nel pieno dell’estate, per cominciare a pensare a look e acquisti per la prossima stagione?

Come già abbiamo visto, i colori comunicano molto più che una semplice scelta estetica, sono un mezzo di comunicazione e riflettono stati d’animo e aspettative. I colori moda che gli esperti hanno indicato per la prossima stagione ci forniscono tanti dettagli anche su quello che è il clima generale della società e sulle aspirazioni dei singoli, cioè ognuno di noi.

Cominciamo?

L’autunno e l’inverno 2018 sono una promessa di colori pop e audaci

Prepara carta e penna perché quest’anno stravolgerai il tuo guardaroba invernale abituale. Di’ addio alle tinte malinconiche che spesso caratterizzano i look autunnali: quest’anno il colore esploderà in modo deciso e audace.

Giallo fluo, fucsia strong, verde acido, arancione evidenziatore, viola ultraviolet, lilla pastello: questi sono i colori che andranno di moda nella prossima stagione autunno inverno 2018-2019.

Sono nuance che vogliono trasmettere energia allo stato puro, vitalità, ottimismo. Secondo gli esperti questa scelta indica il bisogno di contrastare tempi cupi, difficili. Se la vita di ogni giorno si fa sempre più pesante, i colori che indosseremo ci aiuteranno a riequilibrare gli animi e affrontare tutto con più leggerezza e ottimismo.

L’estate continuerà quindi tutto l’anno grazie a queste tinte vivaci e vitaminiche. Le trovi forse un po’ impegnative? Combinale con pezzi classici e colori must have, come il bianco e il nero, e otterrai un look sempre perfetto, qualsiasi situazione tu debba affrontare.

Ho preparato per te una utilissima infografica con tanti look speciali da copiare, in cui i colori moda del prossimo autunno-inverno la fanno da padrona, ma adattandosi a stili ed esigenze diverse.

colori_autunno-inverno 2018-2019

Guarda quante opzioni hai a tua disposizione! Ti basterà mixare i colori giusti (ricorda che per scegliere quelli che ti valorizzano devi tenere in considerazione le tue caratteristiche fisiche, come il colore del tuo sottotono) a seconda dell’occasione e del messaggio che vuoi trasmettere.

I 10+5 colori della prossima stagione A/I 2018-19 secondo il Pantone Color Institute

L’Istituto Pantone prepara ogni stagione il report delle tendenze dei colori moda, in base alle preferenze espresse degli stilisti della London e NY Fashion Week. Dopo le sfilate dello scorso febbraio, l’istituto ha diffuso il Pantone Fashion Color Trend Report per l’autunno e l’inverno che sono in arrivo.

La buona notizia è che vi troviamo tonalità insolite per la stagione: la tendenza va verso il rifiuto della struttura stagionale classica a favore di colori più vivaci che lasciano ampio spazio all’espressione della personalità di ognuno.

Le tinte moda per l’autunno inverno 2018-2019 reinventano la storia dei colori autunnali con risultati davvero entusiasmanti! La personalità dei mesi più freddi dell’anno non viene comunque stravolta, ma resa moderna, grazie a un gioco di equilibri tra tonalità corpose e profonde e tinte pop.

Vediamo quindi i colori moda indicati dal Pantone Institute come riferimento per i prossimi mesi: si tratta di 10 sfumature che renderanno unica la stagione autunno-inverno 2018-2019, a cui mixare una palette di 5 colori tipicamente autunnali.

colori-moda-pantone-autunno-inverno-18-19

  1. Pantone 12-0740 Limelight: tonalità giallo-verde, pungente e vivace.
  2. Pantone 15-0850 Ceylon Yellow: un giallo che profuma di curry, esotico e piccante.
  3. Pantone 16-1255 Russet Orange: un arancio caldo che richiama l’estate.
  4. Pantone 18-1549 Valiant Poppy: rosso intenso, vibrante e pieno di passione.
  5. Pantone 19-1536 Red Pear: tonalità di rosso profonda e sensuale.
  6. Pantone 18-0625 Martini Olive: verde sofisticato, intenso e profondo.
  7. Pantone 18-5025 Quetzal Green: blu-verde vigoroso, estremamente sofisticato.
  8. Pantone 18-4048 Nebulas Blue: blu profondo che ricorda il crepuscolo.
  9. Pantone 18- 3838 Ultra Violet: un viola originale e portatore di creatività. Te ne ho parlato approfonditamente qui.
  10. Pantone 15-3520 Crocus Petal: lilla pastello leggero ed elegante che apporta un tocco primaverile.

E ora vediamo i 5 colori moda classici indicati dall’Istituto Pantone per dare solidità e struttura a ogni tuo look il prossimo autunno-inverno:

colori-classici-pantone-autunno-inverno-18-19

  1. Pantone 11-4801 Tofu: bianco crema essenziale.
  2. Pantone 14-4107 Quiet Gray: grigio chiaro discreto.
  3. Pantone 14-1116 Almond Buff: una tonalità cammello delicata e sobria.
  4. Pantone 16-14-38 Meerkat: marrone tostato, caldo e avvolgente.
  5. Pantone 19-4031 Sargasso Sea: un blu intenso e profondo.

A questo punto sono certa che non vedi l’ora di iniziare a pianificare i tuoi prossimi outfit post-estate, giocando a mixare i colori classici e più autunnali con tonalità audaci, attraverso le quali esprimere tutta la tua creatività.

Ma aspetta, le sorprese non sono finte: l’Istituto Pantone quest’anno ci regala un bonus di 2 colori moda extra, che omaggiano la natura sperimentale delle passerelle londinese. Eccoli:

  • Pantone 15-1515 Mellow Rose: rosa tenue, un classico della tradizione inglese. mellow-rose-pantone
  • Pantone 18-2045 Pink Peacock: rosa deciso e irriverente.

pink-peacock-pantone

Ora che hai visto la descrizione di tutti i colori del Pantone Fashion Color Trend Report per l’autunno/inverno 2018-2019 torna all’infografica che ti ho mostrato all’inizio e comincia a pensare a come indosserai le nuance della prossima stagione.

Esprimi te stessa attraverso i colori moda A/I 2018-2019

Hai sempre pensato che l’autunno fosse noioso e ogni anno ti sei sentita intrappolata in colori senza personalità? Quest’anno la storia cambia, le indicazioni degli stilisti sono chiare: i colori moda della prossima stagione devono rispondere a un bisogno di ottimismo e vitalità per contrastare i tempi difficili.

Per esprimere te stessa hai davvero l’imbarazzo della scelta. Ti faccio un esempio: per un look da giorno professionale puoi sfoggiare un classico tubino in Valiant Poppy, la cui audacia equilibrerai con un capo in spalla in tinta Quiet Gracy.  

Ricorda sempre che i colori che scegli di indossare parlano per te, raccontano come ti senti e come vuoi che sia la tua giornata.

Le nuance che utilizzi nel tuo look raccontano le emozioni che porti dentro di te. Studi scientifici accreditati hanno dimostrato che il colore è un mezzo di comunicazione, non diretto come la parola, ma non per questo meno potente anzi, tutto il contrario, perché agendo a livello inconscio il messaggio trasmesso si insinua nella mente del tuo interlocutore, determinando una buona o una cattiva impressione.

La psicologia del colore spiega che ogni sfumatura produce un determinato stimolo nella mente umana, determinando un preciso stato d’animo. Quest’effetto lo subisci tu, che indossando, ad esempio, un colore vivace ti senti più audace, e chi ti guarda, che ti percepisce come una persona decisa o, in caso di un colore debole, poco sicura di sé.

Ricordi qual è il significato di ogni colore?

Sapere quale messaggio comunichi con le tonalità che scegli per il tuo look può esserti molto utile per esprimere molto meglio la tua personalità e quello che vuoi comunicare.

Trovi il significato di ogni tinta nel post sulla psicologia del colore.

E ora dimmi: qual è il colore che ti è piaciuto di più tra quelli del Pantone Fashion Color Trend Report?

Aspetto i tuoi commenti!

Comunicare con i colori: sfrutta i trucchi dei politici

Come abbiamo visto nel post sulla psicologia del colore, i colori sono in grado di provocare effetti psicologici ed emotivi. Le reazioni che provocano sul cervello sono potenti e immediate, quanto se non di più delle parole, perché si attivano a livello dell’inconscio.

Il colore è dotato di significato e come mezzo di comunicazione ha due plus importantissimi: è estremamente facile da codificare e l’effetto sulle emozioni è immediato. Anche se il significato associato a ciascun colore cambia a seconda del contesto culturale, il colore è sempre e comunque un simbolo e trasmette un messaggio.

I colori sono stati impiegati fin dal Novecento nella comunicazione pubblicitaria, così come in quella politica, in cui rappresentano una parte essenziale di ogni azione mirata a influenzare l’opinione pubblica e a costruire quote di consenso. Oggi i mezzi di comunicazione sono cambiati, ma l’esigenza di comunicare e di stimolare determinate reazioni sono sempre le stesse.

Per capire quali sono le emozioni che inducono in noi i colori e come alcuni sfruttano queste associazioni inconsce, oggi analizziamo i colori nella politica.

Hai mai dato un’occhiata alle cravatte che indossano i rappresentanti politici?

Ti assicuro che le loro scelte non sono mai casuali. Se ti va di scoprire le strategie politiche che sfruttano la psicologia del colore per convincerci a seguire un leader piuttosto che un altro, non perderti quest’articolo!

Linguaggio dei colori applicato alla politica

Emozioni e colori: le reazioni inconsce di cui non sei consapevole

Ho parlato in diverse occasioni dell’importanza dei colori perché penso che la maggior parte delle persone li usino inconsapevolmente. Da una parte è fondamentale rispettare le regole dell’armocromia e usare i colori che ci stanno meglio; dall’altra bisogna sapere che ogni colore trasmette un messaggio e stimola una reazione in chi guarda.

La psicologia del colore è una scienza davvero affascinante perché svela quelle che sono le risposte del cervello umano agli stimoli cromatici.

Ho deciso di approfondire questo tema perché potrà esserti molto utile sfruttare questa dimensione per comunicare il tuo messaggio. Oggi voglio mostrarti un’applicazione pratica di questa scienza, ovvero analizzeremo l’uso strategico dei colori nella comunicazione politica.

Ti sei mai chiesto perché i partiti politici hanno scelto in loro rappresentanza un colore piuttosto che un altro? E come mai alcuni leader riescono a sembrare più convincenti in determinate situazioni (e con determinati abiti!) piuttosto che in altre?

Non ci crederai, ma proprio nel significato dei colori si cela gran parte del mistero…

Associazioni emotive: il linguaggio dei colori

Ognuno di noi è portato ad associare un particolare sentimento o emozione a un colore. Questo in parte si deve al contesto culturale in cui viviamo: ad esempio fin da piccoli ci insegnano ad associare al rosso il pericolo (vedi il semaforo e i cartelli stradali), al bianco la purezza (penso ai vestiti da sposa), al nero il lutto. Ma il linguaggio dei colori ha una radice molto più profonda nel legame simbolico con il mondo della natura: il rosso è associato al fuoco, il bianco all’aria, il nero alla terra.

Ecco allora che possiamo ricavare le prime associazioni, sfruttate anche dalla comunicazione:

  • il significato del colore giallo: ottimismo e vitalità, è associato alla creatività e alla libertà
  • il significato del colore arancione: energia e calore, novità
  • il significato del colore rosso: forza e passione, simbolo dell’autorità, di forza e sicurezza
  • il significato del colore blu: calma e tranquillità, associato all’onestà, alla stabilità e alla serietà
  • il significato del colore verde: simboleggia la natura e la rinascita, è associato alla forza, alla perseveranza e all’equilibrio
  • il significato del colore viola: transizione, metamorfosi, associato al cambiamento (ecco perché il viola Ultraviolet è il colore del 2018, secondo Pantone)
  • il significato del colore nero: mistero e forza, spesso associato a una rivendicazione di potere

Le emozioni indotte dai colori

Forse leggendo queste righe hai pensato mentalmente ai colori menzionati per vedere se davvero ti suscitavano le emozioni indicate. Se ti va di farmi sapere quali sono le tue sensazioni scrivilo nei commenti, così avremo un’ulteriore prova! 😉

Di certo c’è una parte di soggettività in queste associazioni, ma in generale ci sono delle macrocategorie che possiamo considerare valide, come ad esempio che i colori caldi e luminosi trasmettono energia e sensazioni positive e attirano l’attenzione. Quelli caldi e scuri danno una sensazione di solidità e serietà, di calore e di eleganza.

Colori ed emozioni: i toni caldi

Vediamo invece cosa comunicano i colori freddi: quelli chiari (come l’azzurro o il lavanda) trasmettono freschezza e serenità, quelli scuri (pensa al blu o al viola) danno una sensazione di calma, sicurezza e stabilità.

Le sensazioni suscitate dai colori freddi

Il blu rilassa il sistema nervoso, il rosso attira l’attenzione.

Ci siamo appena appena addentrati nell’analisi del linguaggio e della psicologia dei colori ma sono certa che già ne intravedi le possibilità. Ogni colore, che non è altro che uno stimolo che arriva al cervello, attiva una serie di risposte emozionali che portano a un particolare stato d’animo.

Di fatto, attraverso la scelta di un colore possiamo essere influenzati nelle nostre decisioni ed è proprio il principio che sfruttano la comunicazione pubblicitaria e quella politica.

I colori hanno una connotazione politica?

Certi colori sono rappresentativi di ideologie politiche e l’associazione colore-partito politico va oltre i confini dei singoli stati. Questo ci suggerisce che le scelte cromatiche veicolano già un messaggio. Un partito non decide di identificarsi con il rosso o il nero casualmente.

Ma possiamo andare ancora più in profondità e individuare un intento di persuasione anche nelle scelte di look dei leader politici che, attraverso i colori, trasmettono un messaggio ben preciso agli elettori, così come agli avversari.

Vediamo qualche esempio.

Abbiamo già visto che il blu in psicologia rimanda a sensazioni di tranquillità, calma chi lo vede e trasmette fiducia. Un leader politico sfrutta le tonalità del blu per esprimere solidità, forza e leadership. Ecco perché viene utilizzato in occasione di cerimonie, di eventi in cui i politici si vogliono mostrare concilianti, aperti, amichevoli.

Vediamo un esempio italiano: quando Silvio Berlusconi fondò il nuovo partito di centro destra Forza Italia fece una scelta ben precisa: sfruttare l’azzurro, il colore della Nazionale di calcio. In questo modo gli italiani si sarebbero potuti identificare in lui. Non solo, dando un’occhiata ai suoi outfit vediamo una predilezione costante per il colore blu. Proprio per quanto appena detto, Berlusconi voleva trasmettere un messaggio di rassicurazione agli elettori, mostrandosi come un leader onesto, solido e disponibile.

Strategie di comunicazione politica: Berlusconi

Un altro leader che ha dato forza al proprio messaggio politico attraverso una scelta cromatica ben precisa: Gianfranco Fini, quando decise di staccarsi da Berlusconi e di fondare un partito politico proprio, rese evidente il nuovo corso della sua carriera adottando un colore di forte contrasto: il rosa. Sfoggiò cravatte di tutte le possibili sfumature di questo colore per mostrare la rottura con il passato.

La cravatta rosa di Fini: un messaggio di rottura

Quando viene usato invece il rosso dai politici? In situazioni di forte crisi e quando è necessario mostrare forza e autorità. I presidenti americani ne sanno qualcosa e usano cravatte di questo colore ogni volta che diventa necessario rimarcare la potenza degli Stati Uniti (e questo li aiuta davvero a sembrare più convincenti!).

Oltre alle cravatte, che sono l’elemento che più risalta nell’abbigliamento degli uomini politici, anche il colore di giacche e abiti è importante: blu e grigio indicano solidità, il verde (utilizzato spesso dalla cancelliera tedesca Angela Merkel) sicurezza, perseveranza ed equilibrio.

Angela Merkel in verde: messaggio politico chiaro

Un’altra dimostrazione della comunicazione politica attraverso i colori lo troviamo in Michelle Obama: all’ultimo discorso del Presidente sullo stato dell’Unione scelse un tubino giallo senape che trasmetteva luce, energia, ottimismo.

Michelle Obama in giallo: strategia comunicativa

Vuoi sembrare più determinata? Sfrutta anche tu il linguaggio dei colori

Ho voluto approfondire oggi l’uso dei colori nel cosiddetto “marketing politico” perché credo che puoi apprendere un’importante lezione: ci sono elementi inconsci, come le reazioni indotte dai colori, che anche tu puoi sfruttare per farti notare, per trasmettere il messaggio giusto a un colloquio di lavoro, per dare sicurezza a un potenziale cliente e convincerlo a sceglierti.

Come ci dimostrano i politici è possibile influenzare l’opinione che gli altri hanno di noi mostrandoci più sicuri, con più carisma, più ottimisti o più onesti. Considera la psicologia dei colori come un’arma in più a tua disposizione per valorizzarti e per parlare di te, ma anche per emergere e farti notare.

Tu che cosa ne pensi? Per caso hai notato che indossando un certo colore ottieni risposte più positive dalle persone?

Sono curiosa di conoscere la tua esperienza!

Come abbinare l’Ultra Violet e i colori moda del 2018

L’emozione di scrivere su quello che sarà il colore dell’anno mi accompagna ogni volta che dicembre arriva agli sgoccioli!

Non è solo per raccontarvi quali saranno le novità cromatiche e anticiparvi cosa troverete nei negozi nei prossimi mesi: quando si parla di colore dell’anno, infatti, si fa riferimento al colore eletto ufficialmente dall’Istituto Pantone, che lo sceglie tastando il polso della società, alla ricerca delle sensazioni che forgeranno il carattere del nuovo anno.

Ogni volta l’Istituto Pantone effettua delle ricerche in tutto il mondo, visitando fiere di settore e inviando ricercatori in diverse città, allo scopo di registrare umori, sensazioni, aspettative generali e tendenze nascenti.

Il colore dell’anno non è quello più diffuso ma quello che meglio rappresenterà il carattere del nuovo anno: le aspettative e le speranze delle persone, così come il clima sociale e quello politico.

In questo articolo vedremo qual è, secondo Pantone, il colore tendenza del 2018, ma non solo: analizzeremo anche il Pantone Fashion Color Trend Report, che ci dirà quali saranno i colori moda della Primavera/Estate 2018.

Ultra Violet: il colore che non ti aspetti per il prossimo 2018

Il colore dell’anno 2018 è, per l’Istituto Pantone, l’Ultra Violet, numero in codice 18-3838. La scelta non è casuale e non dipende dalla sua diffusione sulle passerelle.

La scelta di Pantone procede da un approfondito studio sulla realtá che non si limita solo all’estetica: se il 2018 nasce all’insegna di tonalità violacee è perché il significato di questo colore rispecchia perfettamente gli animi di tutti noi, le paure, ma anche le speranze, per il nuovo anno.

Innanzitutto il viola è simbolo di contro cultura, originalità, rottura delle regole, pensiero visionario.

Se dico Purple Rain a chi pensate? A un’icona della musica rock, un artista talentuoso e visionario: Prince, che amava vestirsi di viola e non era il solo. Altri grandi artisti come David Bowie, Jimi Hendrix, Wagner esprimevano il loro estro indossando questo colore.

E allora eccoci ad abbracciarlo anche noi, pronti per un 2018 in cui vogliamo vedere creatività, ingegno, novità.

Infine, in un mondo tanto frenetico e caotico, c’è bisogno di pace e spiritualità: il viola è associato alla meditazione e tradizionalmente è sempre stato il colore del potere ecclesiastico.

Ecco allora spiegato perché l’Ultra Violet 18-3838 è stato eletto colore dell’anno per il 2018.

Ultra Violet colore 2018

Legenda significato Ultra VioletVolete sapere una curiosità?

L’Ultra Violet è proprio la nuance che ho scelto per il mio sito!

Jung definiva questo colore  “tra l’umano e il divino, l’unione di due nature” (Jung, 1980) e anche io ci vedo l’unione tra la parte più materiale della realtà e quella che invece tende all’extra corporeo e quindi alla spiritualità.

Come consulente d’immagine credo sia importante che entrambe queste due componenti siano tenute in considerazione e abbiano il loro ruolo nella scelta di un outfit e, in generale, dello stile più adatto a ogni persona.

Ma arriviamo alla questione più importante: come indossare il colore Pantone dell’anno 2018, l’Ultra Violet? Lo scopriamo subito.

Come indossare il colore Pantone Ultra Violet

Se a qualcuna di voi piace osare con il make up, allora deve provare con il viola. Questo colore è perfetto soprattutto per chi ha gli occhi verdi perché li fa risaltare.

Si può scegliere un ombretto viola, da modulare in intensità con altre tonalità più chiare, e con il nero per definire i contorni e creare un effetto smokey eyes. Esistono anche bellissimi mascara viola da applicare da soli, per un effetto sbarazzino, o sopra quello nero, per una nota di colore extra. Via libera anche a matite e eyeliner.

Attenzione: Il colore viola nel make up ha una sola controindicazione: accentua le occhiaie. Quindi evitatelo se ne avete.

Abbinare l’Ultra Violet: ecco gli accostamenti perfetti

Per gestire un colore come il viola è fondamentale dare un’occhiata alla ruota cromatica. Le possibilità per indossare questo colore sono diverse ma io mi focalizzerei soprattutto su due scelte:

  1. abbinamenti con colori analoghi: sono i colori adiacenti al viola sulla ruota cromatica, che ne condividono quindi i toni di sottofondo. Da una parte abbiamo la famiglia Blu-viola, dall’altra quella Rosso-viola.
  2. abbinamenti con colori complementari: il complementare del viola è il giallo. Accostamento azzardato? Forse, ma questo non vuol dire che il risultato non sarà incantevole. L’importante è usarlo con criterio e solo se viola e giallo sono colori che ti stanno bene.

Altri colori che si sposano benissimo con il colore Pantone 2018 Ultra Violet sono: bianco, nero, blu, marrone e grigio.

E gli altri colori di tendenza per la Primavera-Estate 2018?

Ogni anno, in occasione della prima giornata di sfilate della New York Fashion Week, il Pantone Institute rilascia la palette dei colori moda per la stagione seguente. A settembre è stato diffuso il Pantone Fashion Color Trend Report per la Primavera/Estate 2018 con tutti i colori moda per la moda, la casa e gli interni.

A differenza degli altri anni, quest’anno Pantone non ha annunciato solo 10 colori ma ben 16, suddivisi in 2 palette. Scopriamoli subito!

I 12 colori che segneranno le tendenze della prossima stagione moda

  • Giallo Meadowlark 
  • Giallo Lime Punch
  • Rosso Cherry Tomato
  • Rosso Chili Oil
  • Marrone Emperador
  • Azzurro Little Boy Blue
  • Verde Arcadia
  • Rosa Blooming Dahlia
  • Rosa Pink Lavender
  • Rosa Almost Mauve
  • Rosa Spring Crocus
  • Ultra Violet

4 colori neutri classici per creare accostamenti nel 2018

  • Coconut Milk (bianco pieno)
  • Harbor Mist (grigio solido)
  • Warm Sand (beige caldo)
  • Sailor Blue (blu navy)

6 Esempi di outfit da provare subito con i colori moda del 2018

Adesso arriva la parte davvero interessante: dopo aver scoperto cosa ci riserva l’anno nuovo, voglio consigliarvi 6 possibili abbinamenti per sfoggiare i colori che faranno tendenza nei prossimi mesi. Potete anche trarre spunto da questi modelli per giocare con tutte le altre nuance, cercando sempre di sfruttare quelle che sono più adatte ai vostri colori naturali.

1. Almost Mauve

Questo colore è un bianco rosato, romantico e femminile. Per un outfit da giorno vi propongo di abbinarlo con blu, grigio solido e marrone, tre colori intensi che si combinano alla perfezione con questa nuance delicata. 

Outfit Almost Mauve 2018

2. Arcadia

Un verde brillante per salutare la primavera. Si abbina benissimo con oro, cammello e sabbia. Vi propongo un look molto femminile con calze nere ricamate che impreziosiscono un elegante vestito corto verde Arcadia. 

Outfit Arcadia (P/E 2018)

3. Blooming Dahlia

Non poteva mancare una nuance pastello tra i colori trend della primavera 2018. E allora ecco il rosa delle dalie in fiore, fiabesco, intenso, elegante. Penso si abbini benissimo con i toni del marrone. Immaginiamo di aver bisogno di un outfit professionale ma comunque pieno di professionalità: il Blooming Dahlia con il marrone cioccolato vi garantisco che lascia senza parole…

Blooming dahlia: proposta outfit

4. Chili Oil

Una nuance infuocata che accende il marrone, mescolandolo con il rosso: il Chili Oil è un bordeaux pieno e vigoroso, perfetto per cominciare a prendere colore durante la prossima primavera. Il mio outfit preferito per questo colore lo vede abbinato al nero e al bianco, che lo rendono ancora più intenso, e alle varie tonalità del marrone per creare una sensazione di fluiditá, visto che nel Chili Oil c’è proprio una base di questo colore.

Chili oil: come indossarlo

5. Meadowak

Il giallo del sole risplende tra i colori moda del 2018 e noi siamo pronte a scintillare, sfoggiando questo colore caldo e gioioso. Pensando a un look da giorno che renda protagonista questo bellissimo giallo, ho immaginato una t-shirt Meadowak con gilet marrone, accessori in oro e pantaloncini di un bel grigio intenso. Queste tonalità sono perfette per far risaltare questo colore.

Outfit con giallo Meadowak

6. Pink Lavender

Una nuance davvero femminile, elegante e raffinata: il rosa lavanda. Se volete sapere come indossarla e quali colori abbinare, potete prendere ispirazione dall’ultimo outfit che vi propongo: fatelo risaltare con colori a forte contrasto, come il nero e il grigio scuro.

Outfit 2018: Pink Lavender

Ora che sapete quali saranno i colori moda del 2018 ditemi: qual è il vostro preferito? E come pensate di indossarlo?

Mettetevi alla prova anche voi e proponete un outfit con le tonalità che vi piacciono di più!

Vuoi ricevere risorse esclusive sul mondo della moda? Clicca qui e scarica gratuitamente il mio ebook “Come organizzare una sfilata di moda”.

Ebook" Come si organizza una sfilata di moda

Consigli di look: come individuare il tuo sottotono

Oggi voglio parlarti di un argomento molto interessante eppure poco conosciuto: il sottotono. Quando scegli le nuance con cui truccarti o le tonalità da indossare per far risaltare i tuoi colori naturali, non devi considerare solo il colore della tua pelle o il tuo fototipo.

La tua pelle, infatti, ha una temperatura, che può essere calda o fredda, e ciò non ha nulla a che vedere con altre caratteristiche di cui ti ho precedentemente parlato.

In questo caso parliamo del sottotono della pelle. Questo elemento, apparentemente impercettibile, può determinare il successo del tuo look, perché ti permette di valorizzare i tuoi colori naturali, sfruttando alcuni principi che riguardano l’armonia dei colori.

Armonia… ecco la parola magica!

Sicuramente hai dei colori che preferisci rispetto ad altri, che guidano le tue scelte di tutti i giorni riguardo a ciò che indossi e a come ti trucchi. Ma quando definisci il tuo stile non devi considerare solo le tue preferenze: prima di tutto, infatti, devi capire quali sono le tonalità che ti stanno meglio e che esaltano i tuoi colori naturali, perché solo così otterrai il risultato migliore.

È importante che le tue scelte di look siano armoniche, ma per farlo devi innanzitutto avere dei valori di partenza su cui basarti. L’armocromia è la scienza che studia l’armonia dei colori a partire da elementi oggettivi.

Per capire meglio come funziona ti propongo di pensare ad un’azione che sicuramente ti sarà familiare: pensa ad una foto che, prima di pubblicare sui social, ad esempio Instagram, passi per i vari filtri. Quali sono gli elementi che normalmente modifichi per migliorare l’aspetto della tua immagine? I primi sono la temperatura, la saturazione e il contrasto. Come mai? Perché cerchi di stabilire una nuova armonia che valorizzi la luce con cui è stata scattata la foto, i colori dello sfondo o quelli che indossi.

Prima di approfondire che cos’è il sottotono e come individuarlo, è necessario fare una precisazione: il tono ti dà un’indicazione sul colore della tua pelle in base al binomio chiaro/scuro, mentre il sottotono ti parla di temperature, quindi caldo e freddo.Ma sottotono e tono sono due concetti diversi e indipendenti, ecco perché non è sufficiente essere mora per avere un sottotono caldo o essere bionda per poter dire che il proprio sottotono è freddo.

L’armocromia è una scienza, l’abbiamo detto, e in questo articolo voglio darti un metodo facile da usare per capire il sottotono della tua pelle, così da scegliere sempre e solo i colori che più ti valorizzano!

Come capire il proprio sottotono

I consulenti d’immagine conoscono in modo approfondito il significato dei colori e tutte le regole per utilizzarli in modo armonico. Se anche tu vuoi migliorare la tua immagine, devi sapere come individuare il tuo sottotono.

Abbiamo già detto che il sottotono non dipende dal tono della pelle e dagli altri colori naturali (ovvero una persona dai toni caldi potrebbe avere un sottotono freddo e una persona con pelle e occhi chiari un sottotono caldo), ecco perché devi sapere quali sono gli elementi che ti permettono di scoprire il sottotono della tua pelle.

Ecco quali elementi devi analizzare:

  • il colore delle tue labbra: le persone dai toni caldi hanno normalmente le labbra color pesca, mentre quelle dai colori freddi presentano una colorazione tendente al viola;
  • il colore delle tue orecchie: lo strato epidermico che ricopre le tue orecchie tenderà al giallo se i tuoi colori sono caldi, mentre sarà più rosato se sei una persona con colori freddi;
  • la sclera dei tuoi occhi (la parte bianca intorno alla pupilla): c’è una netta differenza di colore tra chi ha colori caldi e chi invece ha pelle, occhi e capelli tendenti a tonalità fredde. Nel primo caso la sclera degli occhi è color avorio, mentre nel secondo è di un bianco puro;
  • il colore delle tue vene: se tendono al verde hai un sottotono caldo, se invece virano verso il blu un sottotono freddo.

L’abbronzatura ti mostra come funziona il sottotono: è dimostrato che il colore del sottotono della pelle di una persona è legato alle quantità di melatonina e di emoglobina presenti nell’organismo, per questo chi ha un sottotono caldo ha fin da subito un’abbronzatura dorata, che si mantiene nei mesi successivi all’esposizione al sole (seppur diminuendo di intensità), mentre chi ha un sottotono freddo tende ad arrossarsi a contatto con i raggi solari e nel giro di poche settimane torna al proprio colorito pallido.

Come valorizzare il tuo viso grazie al sottotono

Il colore del sottotono della tua pelle può esserti di grande aiuto per scegliere i colori giusti per truccarti.

Fondotinta, correttore, blush e terre: quali sono i colori che ti stanno meglio?

Il sottotono ti aiuta a creare un effetto armonico che valorizza i tuoi colori naturali.

Ricorda questa regola: colori caldi per un sottotono caldo, colori freddi per un sottotono freddo.

Hai la pelle olivastra? Evita le ciprie più chiare.

Incarnato di porcellana? Le terre non ti aiuteranno a mettere in risalto le tue doti naturali.

In base al sottotono potrai poi scegliere anche gli altri colori da utilizzare, ad esempio per il makeup degli occhi. Se hai gli occhi castani e un sottotono caldo, scegli le tonalità più calde dei colori della terra, come l’ocra e il terra di Siena, mentre se il tuo sottotono è freddo, il modo migliore per far risaltare i tuoi occhi è scegliendo colori scuri come il grigio piombo e il nero. 

Unendo il principio caldo-caldo e freddo-freddo dei sottotoni alle regole dei colori complementari, sarai in grado di scegliere i colori migliori anche per truccare occhi azzurri o verdi. Ecco come usare i colori complementari: le tonalità aranciate valorizzano gli occhi azzurri, quelle violacee gli occhi verdi. Ad esempio, se i tuoi occhi sono azzurri e il tuo sottotono è freddo preferisci un marrone rosato, mentre se il tuo sottotono è caldo, è più indicato il bronzo. Occhi verdi? Scegli il colore giusto in base al tuo sottotono: se è caldo il color melanzana ti aiuterà a far risaltare il verde naturale, se invece il sottotono della tua pelle è freddo, preferisci tonalità più scure.

I segreti di bellezza delle celebrities con un sottotono caldo

Nicole Kidman, Cameron Diaz, Jennifer Aniston e Penelope Cruz sono alcuni esempi di star con un sottotono caldo. In base al principio caldo-caldo che abbiamo già visto, i colori che più valorizzano queste bellezze di fuoco sono i colori caldi, in particolare in prossimità del viso, quindi su capelli, occhi, e make up in generale.

celebrità con sottotono caldo

I colori ideali per un sottotono caldo sono tutti quelli della terra e della natura: il cipria, il crema, il tortora, il beige, il cammello, il rosso corallo, il verde foresta, il verde smeraldo, il turchese, il giallo canarino, l’arancio, il viola orchidea, viola melanzana, il marsala, il ruggine, il caffè.

Le tonalità da cui tenersi alla larga sono invece: il nero, il grigio grafite, l’azzurro cielo, il blu elettrico, i colori fluo, il rosa baby e il fucsia.

I segreti di bellezza delle celebrities con un sottotono freddo

Gwyneth Paltrow, Bianca Balti, Cindy Crawford, Liz Taylor sono tutti esempi di bellezze dal sottotono freddo. Come vedi, non è automatica l’associazione colori freddi-sottotono freddo, perché rientrano in questa categoria non solo le bionde chiarissime ma anche le more dalla pelle olivastra ma lunare.

celebrità con sottotono freddo

Sempre per il principio base dell’armocromia, il sottotono freddo viene valorizzato dalla combinazione con colori freddi

I colori ideali per un sottotono freddo sono: il bianco ottico, il sabbia, il nero, il blu navy, il grigio antracite, il grigio grafite chiaro, il rosa, il rosso lampone, il bordeaux, il fucsia, l’indaco, l’azzurro pastello, l’azzurro intenso, il blu elettrico, il giallo limone, il testa di moro, il verde pino.

I colori da evitare per un sottotono freddo sono: il marrone, il ruggine, il cammello, il verde oliva, l’ocra.

Applica questi principi di armocromia al makeup, al colore dei tuoi capelli e ai gioielli che indossi.

Come utilizzare i colori del tuo sottotono

Per utilizzare al meglio i colori che rientrano nel tuo sottotono ti sarà utile fare un’ultima valutazione, di carattere più generale, che prenderà in considerazione tutto l’insieme dei tuoi toni naturali.

Se hai un complesso cromatico chiaro (pelle, occhi e capelli chiari) preferisci colori tenui e neutri e utilizza quelli brillanti per gli accessori.

Se invece il tuo complesso cromatico è scuro (hai la pelle olivastra, occhi e capelli scuri) i colori che più ti valorizzano sono i toni scuri e intensi.

Se infine i tuoi colori naturali non rientrano appieno in una di queste 2 categorie (ad esempio hai la pelle medio-chiara, i capelli castani e gli occhi medio-scuri) allora dovrai scegliere per la zona del viso colori mediamente intensi: sono quelli che faranno risaltare meglio i tuoi colori.

Ricorda…

L’armonia cromatica si crea andando incontro alle proprie caratteristiche naturali. Una volta individuate, analizzando in modo approfondito gli elementi di cui abbiamo parlato in questo articolo, ti basterà rispettare i principi basilari dell’armonia per ottenere un risultato eccezionale.

Ti va di provare a mettere in pratica i miei consigli e raccontarmi come va?

Aspetto i tuoi commenti!

Armocromia: Guida all’uso del colore come strumento di bellezza

L’errore che si commette più frequentemente in fatto di look?

Scegliere quello che ci piace e non quello che ci sta meglio. Questo capita molto spesso con i colori: ci sono delle tonalità che adoriamo, ma che purtroppo non valorizzano i nostri colori naturali.

È un fatto di armonia: ci sono colori che stanno bene insieme, che si danno forza l’un l’altro, e che combinati sprigionano una grande energia! Con i colori giusti puoi davvero sembrare più bella e più giovane, ma non puoi sceglierli solo in base al tuo gusto.

 

Per non sbagliare è fondamentale realizzare un’analisi del colore, utilizzando i principi dell’armocromia, la disciplina che studia l’armonia cromatica, definendo i colori che valorizzano i tuoi toni naturali.

Se vuoi realizzare uno studio approfondito dei colori che sono adatti a te, perché si armonizzano perfettamente con il tono della tua pelle, il colore dei tuoi occhi e quello dei tuoi capelli, ti consiglio di rivolgerti ad un consulente d’immagine.

Ma se prima vuoi prendere un po’ di confidenza con i principi dell’armocromia e cominciare a valutare da sola quali sono i colori che puoi considerare delle risorse e quali invece devi evitare ad ogni costo, continua a leggere questo articolo e insieme vedremo quali sono le regole che devono guidare le tue scelte in fatto di colori.

Che cos’è l’armocromia

L’armocromia è la disciplina che studia il rapporto tra i colori in base all’effetto che l’accostamento cromatico produce. Le teorie sull’armonia dei colori sono state applicate fin dagli anni 30, quando nel mondo del cinema comparve il Technicolor, l’esplosione dei colori sul grande schermo! Allora, ad occuparsi di far risaltare la bellezza delle star del cinema, ci pensavano le costumiste e i reparti di trucco e parrucco dietro le quinte delle grandi produzioni. Erano loro a scegliere i colori giusti, quelli che avrebbero reso le belle attrici hollywodiane indimenticabili.

Dovranno passare circa 50 anni, però, prima che l’armocromia diventi un fenomeno di massa. Come sempre, il trend esplode a New York, e solo qualche decennio dopo arriva in Europa e finalmente in Italia. E 80 anni dopo l’armocromia risulta ancora valida, seppur cambiando nel tempo le proprie teorie grazie a studi sempre più precisi ed efficaci.

La più famosa teoria del colore dell’armocromia è quella delle stagioni, che riconduce tutti i colori a 4 gruppi: ogni soggetto viene ricondotto ad una stagione e in base ad essa si definisce la palette dei suoi colori.

 

Nel tempo questa teoria è stata modificata e resa più precisa, passando a 12 categorie e infine a 16 sottogruppi.

Il colore come strumento di bellezza: ma come si usa?

Se il primo approccio di un consulente d’immagine con il proprio cliente è sempre l’analisi del colore, un motivo c’è! Trovare la palette cromatica dei colori che valorizzano un individuo è fondamentale per consigliargli come vestirsi e truccarsi. Quando finalmente si individuano è possibile creare gli outfit migliori e lo stile giusto.

Non sottovalutare l’importanza del colore: si tratta di un’arma potentissima a tua disposizione. I colori giusti ti faranno apparire più bella, energica, ed anche più giovane! Al contrario, se sbagli nella scelta dei colori del tuo look, è garantito che perderai molti punti. Apparirai meno luminosa e stanca senza un motivo apparente. In realtà tutto dipende dalla disarmonia delle tonalità che indossi, che, invece di fondersi, cozzano terribilmente!

 

Non ci credi? Ti propongo di verificarlo tu stessa: dopo aver letto quest’articolo, e aver capito come individuare i tuoi colori “amici” e quelli “nemici”, prova a scattarti 2 foto, una con le tonalità di ciascuna categoria. Ti basterà indossare una camicetta e modificare il tuo make up con i toni identificati. Vedrai che esistono davvero dei colori che ti favoriscono, che danno più luminosità ai tuoi occhi e ai tuoi capelli e che si fondono con il colore della tua pelle. Solo comparando l’effetto delle 2 foto ti renderai conto della differenza che suppone indossare i colori giusti invece di quelli sbagliati.

L’analisi del colore e l’armocromia ti permettono di sfruttare appieno tutto il tuo potenziale!

Bene, ora che sai quanto è importante l’analisi del colore, vediamo come procedere!

Armocromia: come scegliere i colori giusti

Innanzitutto devi sapere che per l’analisi del colore è fondamentale definire il sottotono. Il colore delle tue labbra, delle tue orecchie e quello della sclera dei tuoi occhi (e secondo alcuni esperti anche la colorazione delle vene sottopelle) ti offriranno indizi utili per individuare il tuo sottotono, che può essere caldo o freddo (ne parleremo presto molto più approfonditamente).

Il sottotono, infatti, ha a che vedere con la temperatura del colore, che si va ad aggiungere ad un’altra classificazione che è quella chiaro-scuro.

Attenzione: sottotono e tono sono due concetti diversi e indipendenti. Questo significa che se sei mora potresti avere sia un sottotono caldo che uno freddo, ed è importante che tu lo stabilisca perché ti permetterà di effettuare un’analisi precisa dei colori che ti valorizzano.

 

I professionisti dell’immagine utilizzano per la Colour Analysis il metodo del draping: accostano drappi di tessuto di vari colori al viso e giudicano l’effetto generale. In modo progressivo si passano in rassegna tutte le tonalità, così da definire la palette cromatica del soggetto.

La palette è formata da nuance che hanno in comune una famiglia di appartenenza. Si può giocare con questi colori e abbinare le diverse tonalità a seconda del look che si vuole ottenere, ma è fondamentale attenersi alla propria palette perché è quella che garantirà il tuo successo.

Sapevi ad esempio che truccarti con tonalità non in linea con il tuo incarnato accentua i segni della stanchezza e le rughe? Ecco perché non puoi sottovalutare le regole dell’armocromia.

Proviamo a realizzare un draping test casalingo

Ecco cosa devi fare:

  • siediti davanti ad uno specchio in una zona illuminata da luce naturale;
  • se sei truccata provvedi a struccarti, in modo che i tuoi colori naturali siano visibili (meglio procedere alla prova quando non sei particolarmente abbronzata, altrimenti potresti giungere a conclusioni sbagliate);
  • attenzione ai capelli: se sono tinti dovrai coprirli, per non falsare l’analisi del colore;
  • fai in modo che nello specchio non sia visibile ciò che indossi, per non farti confondere dai colori che stai usando;
  • recupera dal tuo guardaroba dei tessuti di diverse tonalità – possibilmente anche molto diverse tra loro – e accostali uno alla volta al tuo viso.

Le prime volte non sarà facile capire subito quali colori ti stanno meglio, ma allenando l’occhio riuscirai a determinare senza ombra di dubbio quali tonalità illuminano il tuo viso e minimizzano i tuoi difetti.

Consiglio! Fatti aiutare da un’amica! Un occhio esterno riuscirà a vedere più facilmente le armonie e le disarmonie prodotte dall’accostamneto dei colori con il tuo incarnato.

Tutto chiaro? Fammi sapere se hai provato a fare il test dell’armocromia e se hai scoperto i colori della tua palette!

Hai trovato particolarmente interessante questo argomento? Ti piacerebbe approfondirlo e, perché no, farne una professione? Dai un’occhiata al mio corso per diventare consulente d’immagine!

E se hai bisogno di una consulenza professionale, scrivimi pure! 😉

Psicologia del colore: tutto quello che i colori svelano di te

Hai mai pensato alla moda come ad un mezzo di comunicazione? Gli stilisti, attraverso le loro creazioni, esprimono la creatività che hanno dentro e comunicano un’idea del mondo ben precisa. Forse non ci hai mai pensato, ma nella moda niente è casuale: un taglio, una fantasia o l’utilizzo di determinati colori sono frutto di scelte ponderate.

Forse proprio quest’ultimo, il colore, è l’elemento che meglio rappresenta lo scambio di un messaggio dotato di significato: lo stilista comunica i propri sentimenti decidendo di utilizzare una nuance piuttosto che un’altra, e successivamente siamo noi che, nel momento in cui decidiamo di indossare una determinata tonalità stiamo dicendo al mondo come ci sentiamo e che emozioni stiamo vivendo.

Chi ci guarda recepisce questo messaggio, anche se inconsapevolmente: esiste infatti una psicologia dei colori che spiega che ogni colore stimola la mente umana producendo un determinato stato d’animo.

In questo post approfondiremo questa affascinante disciplina. Perché come ti ho già spiegato quando ti ho parlato di stile, ovvero che a volte non siamo coscienti di quello che comunichiamo con le nostre scelte in fatto di look, anche con i colori possiamo creare dei malintesi e trasmettere, involontariamente, un messaggio sbagliato a chi ci sta intorno.

Ti tornerà molto utile sapere cosa comunica ogni colore perché potrai sfruttare questa informazione a tuo vantaggio per esprimere molto meglio la tua personalità e le tue aspettative.

Vediamo subito che cos’è la psicologia del colore.

Psicologia del colore: lo studio degli effetti dei colori

Lo studio delle sensazioni che le tinte cromatiche stimolano nelle persone ha origini lontane: già a inizio del 1800 c’era chi se ne occupava, e non uno qualunque, bensì il grande scrittore e poeta, nonché scientifico, Goethe.

Ma facciamo un passo indietro: devi sapere che i colori non esistono in natura così come noi li vediamo.

L’occhio umano assorbe dalla luce una radiazione elettromagnetica. A seconda della lunghezza d’onda e dell’intensità di questa radiazione, i fotorecettori della retina inviano un determinato stimolo al cervello che si trasforma nella percezione di un particolare colore.

Può sembrare incredibile ma è proprio così: il colore, come tale, non esiste in natura!

Molti studiosi si sono interessati alla “cromologia” – che significa proprio analisi del colore – dopo aver scoperto che ogni tinta innesca uno stimolo diverso nel cervello umano.

Hai mai sentito parlare dei “test dei colori di Lüscher”? Si tratta di un test psicologico inventato dallo psicologo svizzero Max Lüscher che analizza lo stato d’animo di una persona a partire dalla sua preferenza di colori. Questo metodo sembra molto efficace ed è infatti utilizzato nella selezione dei cadetti della Marina Militare americana e come criterio di valutazione per entrare nel Ministero dell’Interno italiano.

Bene, ora che sai che la scelta dei colori che indossi non può essere lasciata al caso, vediamo nel dettaglio il significato delle principali tonalitá.

Il significato dei colori: una guida per scegliere quali indossare

il significato dei colori che indossi

Rosso

Tradizionalmente associato all’amore, è anche il colore del calore e dell’energia. Viene associato al potere, alla forza e alla passione. È una scelta molto forte, impegnativa. Trasmette sicurezza ed è indossato per lo più da chi vuole essere al centro dell’attenzione. Proprio per questo, se decidi di vestirti di rosso, opta per tonalità decise, sgargianti. Se hai scelto il rosso hai preso una posizione: seguila fino in fondo.

Arancione

Secondo diversi studi psicologici, questo colore trasmette sensazioni positive, di serenità e ottimismo. Vestirsi con questa tonalità indica entusiasmo per la vita, allegria e socievolezza. Se ti senti portatrice di questi valori e vuoi trasmettere un messaggio di apertura verso il prossimo, non esitare: affidati all’arancione.

Giallo

Un altro colore considerato molto forte nella psicologia del colore. Il giallo trasmette felicità, buon umore. Chi lo indossa ha una personalità forte e ama stare in mezzo alla gente. È il colore del sole e per questo è simbolo di vitalità, ottimismo e, bada bene, di rinascita: vuoi far vedere che la tua vita è in una nuova fase, che hai deciso di chiudere una situazione per cominciarne una tutta nuova? Vestire di giallo ti aiuterà a raccontare tutto questo.

Blu

Secondo la psicologia del colore, questa tinta rilassa perché comunica un senso di pace. Chi ama questo colore è generalmente una persona tranquilla, riservata, meditativa, che preferisce contesti esclusivi ed eleganti.

Rosa

È il colore tradizionalmente associato alla femminilità, alla dolcezza, al romanticismo. Le donne adulte ricorrono a questo colore proprio per recuperare questa dimensione di purezza e ingenuità tipica dell’infanzia, che in qualche modo le fa sentire al sicuro. È una scelta che indica la volontà di rimarcare la propria femminilità.

Verde

Il colore della natura trasmette sensazioni di pace, equilibrio e speranza. È un inno alla vita, alla rinascita.

Bianco

Il colore della purezza e della sensibilità. È associato al bon ton e all’eleganza semplice ma raffinata.

Nero

Come il bianco è una tinta totalizzante, un must have perfetto per ogni situazione, che non impone di dover scegliere. In un certo senso è un colore che non prende posizione, che non racconta troppo di chi lo indossa. È elegante, minimalista ma fondamentalmente misterioso.

La psicologia del colore in azione

Questi sono i significati delle principali tinte cromatiche secondo la psicologia del colore.

Un gioco molto divertente per mettere alla prova queste teorie è osservare i colori che i leader politici indossano negli eventi in cui incontrano gli elettori o gli altri capi di stato. Ti renderai conto che a seconda dell’emozione che vogliono suscitare opteranno per una nuance piuttosto che un’altra.

Vuoi vedere un esempio pratico in cui necessità politica e fashion si combinano alla perfezione? Guarda come Kate d’Inghilterra (o meglio il suo attento staff) seleziona i colori che la Royal family indossa in occasione degli eventi pubblici più importanti.

Psicologia del colore: Pantone politics

L’hanno ribattezzata l’arte della Pantone Politics.

Un aspirante presidente si affiderà alle tonalità del blu per rassicurare i suoi elettori in una situazione di incertezza; se invece dovrà sottolineare la sua autorità o la sua forza è probabile che utilizzerà il rosso.

Queste associazioni avvengono continuamente, anche se quasi mai ne siamo consapevoli. A maggior ragione, quindi, è importante sapere quale sensazione puoi stimolare in un interlocutore attraverso i colori che scegli di indossare, perché potrebbero aiutarti a creare una predisposizione positiva nei tuoi confronti o, al contrario, potrebbero causare una sensazione di irritazione e addirittura antipatia.

Immagina ad esempio di trovarti davanti ad un addetto delle risorse umane che sta valutando la tua candidatura per un posto di lavoro: ti rendi sicuramente conto di quanto sia importante conoscere la psicologia dei colori e l’associazione dei significati di ciascuno di essi.

Bene, ora hai tutte le informazioni per scegliere cosa indossare in base al messaggio che vuoi comunicare.

Mi fai sapere cosa ne pensi e se hai potuto verificare queste teorie?

Aspetto i tuoi commenti! 😉